Fitosteroli

Fitosteroli

Più comunemente, chi soffre di colesterolo alto diventa consapevole della propria condizione solo attraverso test di routine o quando sorgono gravi problemi di salute. Il colesterolo LDL (lipoproteine ​​a bassa densità) indicato anche come colesterolo “cattivo”, LDL contiene una quantità relativamente bassa di proteine ​​e un’alta percentuale di colesterolo. Il colesterolo viene solitamente percepito negativamente, ma se nei giusti livelli è un alleato perfetto per la salute. In questa guida, analizzeremo tutto ciò che riguarda il colesterolo, quando si definisce buono e quando si definisce cattivo e quali cibi e abitudini bisogna adottare per raggiungere dei livelli ottimali.

  • “Il risultato è un quadro aggiornato ed esaustivo delle varie tipologie di nutraceutici a oggi disponibili e del loro ruolo come coadiuvanti di un corretto stile di vita nell’ambito della prevenzione o di un trattamento con farmaci tradizionali” sottolinea Massimo Volpe, presidente Siprec.
  • Attualmente, non emergono tossicità o altri effetti avversi relativi al consumo di fitosteroli.
  • Potenzia muscoli e sessualità, ma un eccessivo utilizzo mette a rischio di tumore della prostata.

Gli steroli vegetali insieme ai loro derivati acidi, gli stanoli (o steroli saturi), appartengono alla “macro-categoria” dei fitosteroli. Meglio in questi casi concentrarsi sull’aumento dei valori del cosiddetto colesterolo buono, aumentando il consumo di pesce (che concorre a ridurre i livelli di trigliceridi e a rendere il sangue più “fluido”) e di prodotti ad elevato contenuto di acidi grassi mono e polinsaturi. Dato che anche la fibra contribuisce a ridurre l’assorbimento di colesterolo, è bene consumare regolarmente frutta, verdura e prodotti integrali, preferibilmente biologici.

Steroli vegetali: benefici, controindicazioni, dove si trovano

Potenzia muscoli e sessualità, ma un eccessivo utilizzo mette a rischio di tumore della prostata. Le terapie a base di testosterone potrebbero aumentare il rischio di arresto cardiaco, ictus o altri eventi cardiovascolari. Con il termine anabolizzanti, sono per lo più identificati gli steroidi, composti chimici di natura lipidica che svolgono essenziali funzioni biologiche.

  • Inoltre, secondo alcuni studi i fitosteroli ridurrebbero il rischio di cancro ai polmoni, stomaco, seno e prostata.
  • Esempi di sostanze comprendono il consumo eccessivo di alcol e l’uso di determinati farmaci, come gli estrogeni (assunti per via orale), che aumentano i livelli di trigliceridi.
  • La monacolina K (che è un analogo strutturale della lovastatina) inibisce la sintesi epatica di colesterolo.
  • La zona glomerulare è priva dell’enzima 17α-idrossilasi e non può sintetizzare i precursori dei 17-
    idrossisteroidi del cortisolo e degli ormoni sessuali.
  • Nel corso del tempo, la carenza di estrogeni avrà conseguenze anche a livello dell’osso (osteoporosi) e aumenterà il rischio di malattie cardiovascolari.

Nella membrana luminale delle principali cellule tubulari di questa regione sono presenti canali epiteliali
Na + e canali K + di tipo “ROMK” (dall’inglese Canale del potassio midollare esterno renale). L’attività mineralcorticoide dell’aldosterone si sviluppa a livello dell’epitelio tubulare del nefrone distale,
dove favorisce il riassorbimento del sodio (Na +) e la secrezione di potassio (K +), contribuendo così al
mantenimento dei livelli di questi ioni nel fluidi corporei. La zona glomerulare è priva dell’enzima 17α-idrossilasi e non può sintetizzare i precursori dei 17-
idrossisteroidi del cortisolo e degli ormoni sessuali. Inoltre non ha 11β-idrossilasi, ma ha un enzima
chiamato aldosterone sintetasi che può produrre sequenzialmente corticosterone, 18-
idrossicorticosterone e aldosterone mineralcorticoide.

Le proprietà del fucus, ricco di fitosteroli

“Quest’osservazione – spiega il professor Crea – è rilevante ai fini della controversa questione degli effetti dell’integrazione di steroli vegetali nella dieta. Infatti, se da una parte l’arricchimento di steroli vegetali riduce lievemente l’assorbimento di colesterolo (con una riduzione di circa il 10%), dall’altra tale integrazione aumenta vendita steroidi anabolizzanti marcatamente i livelli ematici di tali steroli” che alla luce del nuovo studio potrebbe essere deleteria. Il Professor Crea, analizzando in profondità i dati dello studio giapponese, ha osservato che l’effetto favorevole dell’Ezetemibe sull’aterosclerosi coronarica è associato a una riduzione dei livelli ematici di steroli vegetali.

Come nasce un cosmetico a connotazione naturale

Gli steroli vegetali derivano da differenti fonti di oli, che includono olio extravergine d’oliva, olio di legno di pino, olio di semi di soia, olio di riso, olio di noci. Tra i vegetali i contenuti più elevati si riscontrano in
broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, olive verdi e nere. Ad esempio gli steroidi sono isoprenoidi, cioè contengono isoprene, che è anche monomero della gomma naturale.

L’ultima classe di steroli animali è rappresentata da un variegato gruppo di molecole che nel loro insieme sono definite Vitamine D. A livello dell’intestino tenue, i sali biliari primari vengono riassorbiti per tornare a disposizione per nuovi cicli digestivi. Ci ha pensato la Siprec (Società italiana per la prevenzione cardiovascolare), riunitasi di recente a Napoli per il suo 17.mo congresso nazionale.

Un consumo giornaliero di almeno 30 grammi di fibre migliora il controllo glicemico e contribuisce a prevenire le malattie cardiovascolari. Se non si riesce a mantenere questo apporto con la dieta, si può ricorrere a supplementi contenenti betaglucani, psyllium, gomma guar, glucomannano, pectine. I fitosteroli sono steroli vegetali presenti nella frazione non saponificabile degli oli vegetali e, in misura inferiore, in tutti gli alimenti di origine vegetale, specie se ricchi di grassi.

Nei bambini e negli adolescenti, lo screening con un profilo lipidico a digiuno è raccomandato tra i 2 e gli 8 anni se il bambino presenta fattori di rischio, come un familiare con grave dislipidemia o che ha sviluppato una coronaropatia in giovane età. Nei ragazzi senza fattori di rischio, lo screening con un profilo lipidico non a digiuno di solito viene eseguito una volta prima della pubertà (di solito tra i 9 e gli 11 anni) e un’altra volta tra i 17 e i 21 anni. A base di tribulus terrestris, saponine, maca peruviana, zinco, acido folico, ashwaganda e withania somnifera, Testo force è un integratore alimentare naturale in grado di migliorare le prestazioni sessuali maschili. Gli integratori a base di tribulus terrestris presenti sul mercato sono numerosi e come spesso accade, è molto importante leggere la composizione degli ingredienti per sincerarsi di acquistare un prodotto di elevata qualità che garantisca risultati tangibili.


Posted

in

by

Tags: